L’appuntamento da non perdere che si conferma come punto di riferimento per tutti gli operatori del settore per dibattere su un tema sempre più attuale: la centralità del Sistema Multigas, realtà non solo nazionale, che con l’aiuto delle tecnologie innovative e della ricerca sistemica, offre soluzioni intelligenti al cammino di decarbonizzazione.

 
Si sta completando il programma della manifestazione di Milano ed iniziano a prendere corpo le sessioni tematiche.
La prima giornata verrà interamente dedicata agli aspetti di scenario energetico relativi agli sviluppi che si stanno attuando per rendere raggiungibili gli obiettivi del piano nazionale integrato energia e clima, con l’ambizione di fare il punto, nei limiti di tempo concessi e con una ricognizione a 360°, sul ruolo e sullo stato dell’arte delle potenzialità del sistema multi-gas, senza dimenticare temi come l’importanza del mix energetico nello sviluppo dei territori, la digitalizzazione dei sistemi infrastrutturali, la cyber security e la valorizzazione delle competenze degli operatori del settore gas.
 
La seconda giornata sarà, dedicata più specificatamente ai temi della sicurezza, e delle potenzialità offerte dall’innovazione tecnologica e dalla ricerca scientifica a cui seguirà una tavola rotonda di conclusione.
 
Inoltre come di consuetudine saranno forniti gli aggiornamenti sugli sviluppi in atto nei vari settori di interesse CIG, ponendo una particolare attenzione a creare momenti di confronto tra gli operatori.
 
Ne è derivata quindi la seguente strutturazione del convegno.
 
12 giugno (mattino)
 
SESSIONE PLENARIA
IL RUOLO DEL SISTEMA MULTIGAS NELLA TRANSIZIONE ENERGETICA
Nella scorsa edizione del Forum l’attenzione della comunità energetica si era focalizzata sulla quasi contemporanea emissione della Strategia Energetica Nazionale da parte del Ministero dello Sviluppo Economico; quest’anno, facendo un passo avanti nella programmazione strategica energetica, è invece caratterizzato dalla pubblicazione del Piano Nazionale Integrato Energia Clima, che il Governo ha inviato a gennaio a Bruxelles quale proposta italiana per l’attuazione degli obiettivi di riduzione di emissioni di CO2 in ottica di decarbonizzazione energetica al 2030 stabiliti dall’Accordo di Parigi.
 
Nella sessione di apertura del Forum UNI CIG vi sarà modo di ascoltare la voce delle istituzioni sul tema ma anche quella dei principali attori del mercato.
Al centro il Sistema Multi Gas, ormai realtà non solo nazionale, che con l’aiuto delle tecnologie innovative e della ricerca sistemica, offre soluzioni intelligenti al cammino di decarbonizzazione intrapreso; SynGas, biometano, bioGNL, H2NG, H2 giocheranno nei prossimi anni a partire da oggi un ruolo essenziale per lo stoccaggio dell’elettricità in eccesso da FER, riduzione della componente di GN fossile nazionale a fronte di immissione in rete di gas naturali verdi.
 
12 giugno (pomeriggio)
 
SESSIONI PARALLELE
Sessione 1 Smart grid: il ruolo decisivo delle tecnologie abilitanti e della cybersecurity
Con il 2019 si è avviata la seconda fase di sostituzione massiva dei contatori in attuazione degli obiettivi in materia di roll-out previsti dalle delibere dell’Autorità. In questo contesto emergono alcuni temi sui quali il CIG si sta confrontando: da un lato la diffusione dei contatori che comunicano in modalità punto–punto, per i quali è in fase conclusiva la definizione della nuova serie UNI/TS 11291-12, dall’altro il ruolo decisivo delle tecnologie abilitanti in materia di telecomunicazioni, per un salto tecnologico di sistema, in un’ottica di integrazione delle smart grids.
Si inserisce parimenti in tale ambito il tema della cybersecurity come elemento chiave per lo sviluppo e l’evoluzione dell’attuale società digitale.
 
Sessione 2: Il valore delle competenze nella filiera gas
Verrà dato spazio all’importante tassello della valutazione della conformità, intermedio tra norme – prassi di riferimento e qualificazione – certificazione, con focus sulle professionalità e competenze degli operatori, essenziali per eseguire in sicurezza e qualità le attività oggi più complesse del passato per via del maggior peso in esse delle componenti IT e dell’aumentata competitività del mercato, anche nella distribuzione del gas, con uno spazio dedicato alla presentazione case study aziendali.
 
13 giugno (mattino)
 
SESSIONE PLENARIA
LA SICUREZZA E L’EFFICIENZA NEGLI USI FINALI DEL GAS
In questa sessione verranno utilizzati i dati raccolti nella statistica incidenti da gas aggiornata al 2018 per presentare il fenomeno in modo comparato con altri incidenti anche con riferimento al peso percentuale rispetto al totale degli incidenti domestici sia nazionali sia europei utilizzando studi Marcogaz.
Saranno messi in evidenza gli ultimi aggiornamenti legislativi e normativi relativi al post contatore, tra i quali la revisione della UNI 11137 sulla verifica di tenuta dell’impianto interno nonché un importante aggiornamento legislativo sull’evoluzione del DM 12/04/1996 riguardante le centrali termiche a gas, sull’entrata in vigore del Regolamento apparecchi a gas GAR, incluse le attività in atto relative alla UNI EN 437 Gas di prova – Pressioni di prova – Categorie di apparecchi, che deve rapidamente aggiornarsi per tener conto delle potenzialità del mix idrogeno-GN.
 
13 giugno (pomeriggio)
SESSIONE PLENARIA
INNOVAZIONE E RICERCA
La ricerca nel settore gas ha però bisogno di una regia, di un miglior coordinamento onde divenire davvero sistemica e contribuire al coupling energetico dei due grandi sistemi, elettrico e gas.
Il Forum UNI CIG vuole entrare più operativamente in questo tema, proponendo costruttivamente scenari fattibili di un Hub della ricerca gas da attuarsi con gli strumenti esistenti che le Istituzioni possono attivare anche per il gas e con l’aiuto degli stakeholders pubblici e privati già operativi con progetti di grande interesse ma scollegati tra loro, riprendendo i temi affrontati nel convegno CIG del 7 maggio 2019 su R&S strategia nel settore dei gas.
 
TAVOLA ROTONDA E CONCLUSIONI
Novità di questa edizione 2019 sarà la Tavola Rotonda di conclusione, in cui si cercherà con l’aiuto delle personalità e degli esperti del mondo dell’energia di mettere a disposizione della platea e di chi seguirà il FORUM attraverso la multimedialità, posizioni concrete e affidabili che rispondano alle tante domande che da più parti, dalla politica alla società civile tutta, vengono poste sul ruolo del sistema Multi-Gas.
 
Aggiornamenti sugli sviluppi del programma saranno forniti nelle prossime newsletter.
 
A chi interessa

Aziende di:

    • Trasporto, distribuzione e vendita gas, elettricità, acqua, calore, rifiuti, ICT e Telecomunicazioni
    • Utilizzazione Fabbricanti di accessori, componenti e strumenti
      – Aziende costruttrici di impianti
      – Progettisti, consulenti aziendali
      – Istituzioni ed Enti di Ricerca

 
Scarica il documento